La chiesa nuova di Ol Moran

Ol Moran chiesaLa domenica 17 maggio 2015 restera’ una giornata memorabile nella storia di una comunita’ cristiana dell’Africa centrale. Si tratta della parrocchia di Ol Moran in Kenya, sostenuta dalla Diocesi di Venezia e animata dal parroco don Giacomo Basso. Festa grande per la consacrazione della nuova chiesa, la chiesa di questa comunita’, la loro chiesa. Voluta tenacemente da don Giacomo e da tutta la comunita’, ideata e seguita da lontano e da vicino in tutte le sue fasi di crescita dall’architetto Stefano Battaglia, della parrocchia di San Lorenzo di Mestre. Una chiesa a forma elittica, capace di accogliere almeno cinquecento persone su comode panchine con posto a sedere e inginocchiatoio. Ma domenica scorsa c’era una vera folla. Dentro alla chiesa almeno un migliaio di persone e altrettante fuori. Ma forse di piu’. Erano presenti, a far festa insieme, tutti i cristiani della varie cappelle che fanno parte dell’unica parrocchia. Gente venuta da lontano. Partita prima del sorgere del sole per arrivare in tempo. Ma anche arrivate la sera prima per preparare l’accoglienza. Tanti fuochi accesi durante la notte per scaldare quelli che dormivano all’aperto.

Tutto e’ iniziato alle 9.00 con l’arrivo del Vescovo della Diocesi di Nyahururu, accolto all’ingresso da una delegazione ufficiale. A seguire l’alzabandiera eseguito in modo quasi militaresco dagli scout della parrocchia. Tre bandiere: quella del Kenya al centro e ai lati quella bianca e gialla del Vaticano e il gonfalone di San Marco. Poi la consacrazione della chiesa dedicata a San Marco, accompagnata da canti e danze tradizionali dei numerosi gruppi che animano la vita di questa comunita’ cristiana. Un tempo lunghissimo per i nostri ritmi europei, ma cosi’ pieno di partecipazione che e’ volato via senza pesare, riempito anche dal frequente suono delle campane a festa..

Alla fine della cerimonia e’ stato letto da don Giovanni Volpato, primo parroco a Ol Moran e fondatore di questa comunita’ cristiana, un messaggio inviato dal Patriarca di Venezia al Vescovo della Diocesi locale e alla comunita’ di Ol Moran. Alle parole che dicevano la volonta’ del Patriarca di venire presto a far visita alla comunita’ di Ol Moran e’ scoppiato un lunghissimo applauso, iniziato dal Vescovo e seguito dall’entusiasmo di tutti i presenti.

Poi la festa e’ continuata per tutto il resto della giornata. Qui il ritmo del tempo e’ segnato dal sole. La giornata inizia al levar del sole e termina al suo tramonto. E cosi’ e’ stato anche in questa splendida domenica di festa per la consacrazione della nuova chiesa della comunita’ cristiana di Ol Moran. Con il buio e’ tornato il silenzio. Rotto soltanto dalla presenza parlante di una chiesa straordinariamente bella e illuminata a festa dalla base alla cima del campanile.

Un pensiero su “La chiesa nuova di Ol Moran

  1. Carissimo don Fausto, ho letto con grande emozione la Tua relazione sull’inaugurazione della chiesa di Ol Moran, conoscendo l’Africa ed i ritmi della popolazione, mentre leggevo mi sembrava essere presente. Una vera e grande soddisfazione vedere realizzato questo grande progetto. Tu non mollare mai alla fine l’amore e la bellezza vincono sempre. Marisa

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...